Monitor del viaggio alimentare

I pianificatori del turismo enogastronomico danno un'occhiata al settore post-pandemia con un rapporto aggiornato

Le industrie del turismo e dell'ospitalità ne hanno passate molte quest'anno. Piuttosto che continuare a farsi prendere dal panico, ora è il momento per le aziende e le destinazioni di pianificare, innovare e prepararsi per quando il turismo ricomincia. E l'industria del turismo enogastronomico deve affrontare requisiti aggiuntivi, data la sua necessaria attenzione alla salute e alla sicurezza per tutti i clienti, turisti e gente del posto.

Per aiutare le aziende e le destinazioni a prepararsi per i prossimi passi del nostro settore, la World Food Travel Association (WFTA) ha aggiornato il suo seminale report Food Travel Monitor di 350 pagine con uno speciale supplemento COVID di 20 pagine. Le pagine extra affrontano specificamente come l'industria del turismo enogastronomico sta cambiando a causa della pandemia e cosa possono fare le aziende e le destinazioni per pianificare, innovare e prepararsi a soddisfare le esigenze dei nostri futuri clienti.

L'ultima edizione del Food Travel Monitor è stata pubblicata nel gennaio 2020. "Con la situazione pandemica che si sta sviluppando così rapidamente, è diventato chiaro che dovevamo dare un'altra occhiata alle nostre conclusioni dal rapporto di gennaio", ha detto il Direttore Esecutivo della WFTA Erik Wolf. "Anche se la maggior parte delle nostre conclusioni rimane invariata, abbiamo aggiornato alcune cose che sono necessariamente cambiate a causa della situazione in cui si trova il nostro settore".

Le aziende e le destinazioni possono ordina qui le copie del rapporto.

INFORMAZIONI SUL FOOD TRAVEL MONITOR

Il Food Travel Monitor è il più grande studio quantitativo al mondo sui viaggiatori amanti del cibo e delle bevande. È un rapporto di ricerca pentennale pubblicato l'ultima volta nel gennaio 2020 e aggiornato l'ultima volta nell'agosto 2020 con un supplemento speciale che copre i recenti cambiamenti del nostro settore.

Condividi su Facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest